Skip to Content

blog post

L’ITALIA A TRENT’ANNI DAL DISASTRO DI CHERNOBYL

reattore_schemaDopo trent’anni dal disastro avvenuto in Ucraina il 26 aprile del 1986,  l’Italia condivide con Chernobyl una formidabile menomazione. L’Italia fu l’unico paese al mondo a decidere, causa quella tragedia, la chiusura e lo smantellamento delle proprie centrali nucleari. L’unico! Una decisione miope, strategicamente catastrofica rafforzata da una procedura bizzarra: un referendum, frettoloso e pilatesco, che compromise il futuro energetico di un paese che si collocava al terzo posto per potenza generata da centrali nucleari. Fu un referendum indetto nel pieno della dinamica di un incidente, falsato inevitabilmente dall’emotività e intenzionalmente da una stampa ostile e disinformata. Le tre domande del referendum riguardavano non il favore o l’avversità alla prosecuzione della costruzione di centrali nucleari, ma riguardavano soltanto la cancellazione di alcune disposizioni di legge concepite per rendere più facili e rapidi gli insediamenti energetici. La prima domanda era stata posta per evitare che il sindaco di un piccolo paese selezionato per l’insediamento di una centrale nucleare potesse opporsi ad oltranza, mentre la seconda era la cosiddetta “monetizzazione del rischio” per i comuni che ospitavano impianti di produzione di energia nucleare o di altra fonte. La terza riguardava la politica di alleanze dell’ENEL con altre aziende estere produttrici di energia nucleare. Fu un referendum caratterizzato dalla più scorretta delle asimmetrie tra le parti in campo: con i favorevoli alle tecnologie nucleari costretti a confrontare le proprie ragioni, tecniche e razionali, con le esagerazioni mediatiche di una minacciata “apocalisse atomica”. Nessun paese si comportò come l’Italia. Nessuno paese chiuse gli impianti operativi. Molti misero in discussione i programmi, riesaminarono il futuro e il ruolo delle tecnologie nucleari. Ma nessuno chiuse gli impianti. Anzi. Ne è prova che nel mondo la quota di contributo del nucleare civile non si è mai ridotta. Nemmeno Fukushima ha intaccato questo dato. Solo l’Italia dalla tragedia di Chernobyl apprese l’urgenza dell’uscita immediata dal nucleare. Nella vittoria degli antinuclearisti si miscelarono l’ignoranza della tecnologia nucleare utilizzata, la confusionaria esposizione dei quesiti referendari, legata alla natura solo abrogativa dell’istituto referendario, e ragioni ideologiche miranti a tenere lontane le politiche energetiche italiane da quelle perseguite dal sistema comunista russo, arretrato e alla ricerca di una impossibile supremazia tecnologica.

Continua a leggere »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

M5S, LEGA E L’ALIBI DEL VOTO POPOLARE

salviniMA IL POPOLO SOVRANO HA SEMPRE RAGIONE?

L’art.1 della Costituzione sancisce che “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Nella tragicommedia messa in scena da oltre due mesi, con l’incalzante richiamo agli 11 milioni di elettori che hanno votato M5S, a fronte del tripudio di veti conseguenti a tali voti, alla stanchezza di un paese che chiede un governo, a un Presidente della Repubblica che ricorda le prerogative riconosciutegli dalla stessa Costituzione, al grido di dolore di chi sente nelle parole di Mattarella tristi rintocchi di una democrazia agonizzante, è lecito chiedersi se un popolo sovrano ha sempre ragione nel modo con cui esercita tale sovranità. Nella recente Storia d’Italia, vi è un tetro e tragico esempio del come tale sovranità possa essere esercitata in modo da generare involuzioni nefaste e dolorosamente distruttive.

Nel 1924, dopo le inutili elezioni del ’21 che non avevano permesso di individuare né vincitori né vinti, furono tenute nuove elezioni con una nuova legge elettorale: la legge Acerbo. Tale sistema elettorale modificava il sistema proporzionale in vigore, riconoscendo un premio di maggioranza al partito che superato la soglia del 25%, risultasse avere la maggioranza relativa. La formazione politica che raccolse il maggior numero di consensi e che si aggiudicò il premio di maggioranza, fu il Listone nel quale erano confluiti oltre al PNF guidato da Mussolini, esponenti liberali e democratici tra cui Vittorio Emanuele Orlando, Antonio Salandra, Enrico De Nicola. Furono queste le elezioni del 6 aprile 1924, contro cui Giacomo Matteotti, già espulso nel 1922 dal PSI con Filippo Turati, e segretario del nuovo Partito Socialista Unitario da lui fondato, si scagliò con un veemente discorso il 30 maggio, denunciando violenze e brogli, complice involontario il partito comunista.

Renzo De Felice che ha definito “assurda” l’interpretazione di questo discorso. Matteotti non mirava a invalidare il voto, ma a costruire una opposizione più aggressiva nei confronti del fascismo. Una opposizione intransigente che aveva per altro già espresso in una lettera a Turati prima delle elezioni.

Il popolo, nella sua sovranità e nella sua ignoranza, si era dunque espresso a favore del fascismo. Della figura di Mussolini, dei suoi propositi, non sapeva nulla. Era stanco e deluso. Stanco delle sommosse, dei tumulti inconcludenti, delle risse interne al Partito Socialista dalle cui viscere nel 1921 a Livorno era venuto alla luce il Partito Comunista Italiano e che nel ’22 aveva anche espulso Matteotti. Quel popolo di reduci, di operai mandati nella fornace della “inutile strage” della I Guerra Mondiale, attendeva solo il riconoscimento del proprio sacrificio e il ritorno alla situazione economica e sociale, che aveva dominato il periodo prebellico. Ma fu tradito. Non colse il progetto di Mussolini, non ebbe alcun sentore della imminente dittatura, e nella sua sovranità indiscussa si concesse al periodo nefasto del fascismo.

Continua a leggere »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

“Haec Est Civitas Mea”

La Chiesa ai tempi delle purghe staliniane

glazunov-le-purgheChiusa a Roma la rassegna storica dell’Accademia di pittura russa “Haec Est Civitas Mea”, ecco uno dei quadri in esposizione di I.S. Glazunov, somma sintesi della dolente situazione della Chiesa russa durante le purghe staliniane.

Il complesso dipinto è la sofferente ironia di quel tetro periodo in cui Stalin dal 1934 al 1938, impose la vasta repressione per “purgare” il PCUS da presunti cospiratori. Stalin è la figura centrale, quasi immagine sacra su di una edicola di immagini sacre. La blasfema sacralità è ripresa dalla struttura a tempio con timpano e colonne della edicola, dal campanile e dalla cupola in secondo piano. Stalin è rappresentato quale divinità che si eleva sulle sofferenze del popolo, di cui si occupa la tetra figura in nero al centro del quadro. In quel periodo la Chiesa fu umiliata come mostrato dal vecchio caduto col volto sulle icone, fondamento di vita e di fede. I conventi furono violati come esemplificato nella suora scarmigliata con in petto ancora un crocifisso. I credenti agiati, evidenti nella parte destra del dipinto, furono costretti alla povertà e vessati, mentre i poveri sulla sinistra furono perseguitati fino alla disperazione. E nella disperazione ostentano solo una ricchezza: il Crocifisso sul petto. Quel periodo tragico condannò a morte milioni di russi, ma non poté privarli dei sentimenti sacri e intimi come il senso di maternità splendidamente esemplificato dalla mamma col bimbo in braccio e l’affetto per gli animali espresso dal vecchio col bastone e il suo cane. Le sacre immagini delle icone vengono sostituite da torvi volti di aguzzini che incorniciano essi stessi il loro volto, quali nuove divinità del potere. Ma tra tanta miseria e morte, si elevano in primo piano due alberi. Gli alberi nel rinnovellarsi delle radici e delle foglie ingiallite esprimono la speranza della rigenerazione. Della rinascita. Tutto il quadro è la splendida esaltazione della certezza della vittoria della Speranza sulla tetra realtà del socialismo sovietico. Su quel socialismo che avrebbe dovuto abbattere ogni totalitarismo, che avrebbe dovuto assicurare uguaglianza, prosperità e benessere, e che invece generò terrore e morti.

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

LO SCONSOLATO SERMONE DI DI MAIO

di-maiodi-maioRibadire quanto di immensa ambizione, smoderata vanità, povertà di intelletto, scellerato esibizionismo, si è detto di Di Maio, non ha ormai alcun senso. Quanti lo hanno bocciato alle elezioni politiche, e ne hanno ribadito il declino in Molise e Friuli, hanno ampiamente colto la dimensione della tempestosa tragicommedia che si è abbattuta sull’Italia e che passerà come è passata la sciagurata IdV, passerà come ogni tempesta. Passerà dopo aver creato danni immensi, ma passerà. Ciò che invece è necessario esplorare e capire sono i fondamenti giuridici, la validità nell’ambito delle norme e forme della nostra democrazia rappresentativa, del conclamato “contratto di programma” con cui Di Maio si ostina a invitare forse politiche avverse per dare inizio a quella che con immutato orgoglio chiama Terza Repubblica. Tale contratto di programma, redatto dal comitato scientifico presieduto da Giacinto della Cananea, è costituito dai seguenti 10 punti: 1) Costruire un futuro per i giovani e le famiglie 2) Contrastare la povertà e la disoccupazione; 3) Ridurre gli squilibri territoriali; 4) Sicurezza e giustizia per tutti; 5) Difendere e rafforzare il SSN; 6) Proteggere le imprese, incoraggiare l’innovazione; 7) Per un nuovo rapporto tra cittadini e fisco; 8) Un paese da ricostruire: investire nelle infrastrutture; 9) Proteggere dai rischi, salvaguardare l’ambiente; 10) Per una amministrazione efficiente e trasparente: tagli agli sprechi. Continua a leggere »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

Di Maio: il Prometeo incatenato dalle sue contraddizioni

prometeo1Seguire minuto per minuto l’evolversi della crisi politica, serve a chiarire i termini del confronto e a cogliere le stupende metamorfosi di Di Maio, colpito da una perniciosa smania di governo. Una smania così acuta, che governerebbe con chiunque pur senza avere personalità adatte, pur senza un retroterra di movimento e di storia, oltre il VAFFA da cui emerse quale bruco dal suo bozzolo. Di Maio vuole governare a ogni costo e mirando a tale obiettivo dimentica tutti gli insulti riversati sui suoi avversari. Dimentica l’altezzosa arroganza con cui nella campagna elettorale predicava che mai il suo movimento avrebbe accettato intrighi, inciuci, compromessi, scambio di favori e di poltrone, che avrebbero contaminato la incorruttibile purezza del suo movimento. Nessuna coalizione, nessuna alleanza, nessuna convergenza con nessuno, sicuro che la sua sarebbe stata una vittoria certa, netta e indiscussa.

Continua a leggere »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

MARIA CALLAS LA DIVINA

MONOLOGO SCRITTO E RECITATO da DANIELA MUSINI

danielaChi scrive, si accinge recensire questo incantevole spettacolo con tremore e timore, colpito dalla complessità di qualcosa che nella sintesi di musica e parola, raggiunge i vertici di una soggiogante bellezza. Bellezza del testo recitato, bellezza dei passi originali cantati dalla Divina per farne stupenda colonna sonora, bellezza del monologo raffinato e ricchissimo di sfumature, bellezza nella illuminante recitazione che la stessa Autrice ne fa, sola per oltre un’ora.

Spettacolo affascinante, giustamente apprezzato e premiato, e che ora chi scrive vuole commentare nelle sue doviziose articolazioni: la concezione stessa di uno spettacolo tanto complesso, il testo del monologo, la recitazione, la sintesi tra parola e musica, la scansione temporale degli eventi della esistenza della Divina, le arie da Lei stessa cantate.
L’idea di portare in scena un monologo è già una idea ardita e a conoscenza di chi scrive ha un solo precedente nella celeberrima interpretazione che Pamela Villoresi fece della infelice storia di Ninì tratta dal Romanzo “Lo Scialo” di Vasco Pratolini.
In quel monologo c’era già il testo di un grande scrittore, qui invece il testo era da inventare e scrivere per essere letto e poi interpretato.

Continua a leggere »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook