ernani

Il potere trasfigurante del Potere

ernani – muti

Pur se derivato dal dramma Hernani, di Victor Hugo, bandiera della rivoluzione liberale nel 1830, l’Ernani di Verdi è un’opera tetra, traboccante travestimenti, false identità, libidine senile, ansie di vendetta, torbidi complotti. In scena v’è un mondo in balia delle lotte tra la monarchia spagnola e la monarchia asburgica, un mondo amorfo prima dell’avvento di Carlo V nel quale i protagonisti raccontano la loro storia con travestimenti, denunciando false identità, minacciando e organizzando congiure. Pur partendo da alcuni presupposti generosi come l’esaltazione dell’onore individuale, della parola data, della fedeltà alle promesse fatte anche a costo di morirne; pur se alcuni spunti appaiono originali, come l’inversione dei ruoli tradizionali di buoni e cattivi, tal che il buono è un bandito e il cattivo è il re aspirante imperatore, il tutto è raccontato con un libretto illeggibile.

Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook