Si
Il modello italiano di democrazia rappresentativa nato con la Costituzione del 1947 è stato il parto della paura. La paura del tiranno, la paura dell’uomo solo al comando, la paura di un ritorno alla scellerata esperienza del fascismo. Paura inabilitante che ha generato un bicameralismo paritario nei poteri ma differente per rappresentatività dei partiti e dei cittadini; paura la quale ha dato vita a un sistema elettorale proporzionale che consente a nessuno di vincere e a tutti di conquistare infime porzioni del mercato elettorale; paura, che occultata nella esaltazione di un sistema dotato di pesi e contrappesi, ha germinato la paralizzante forma di dispersione del potere tra Magistratura, Corte Costituzionale, Consulta, Presidente della Repubblica con conseguenti instabilità di governo. Il modello alternativo proposto da Renzi con la riforma costituzionale mira alla stabilità degli esecutivi. La stabilità non come valore accessorio, ma come condizione necessaria seppure non sufficiente, per liberare il Paese dai mali che lo affliggono e che hanno nome evasione fiscale, corruzione, disoccupazione, debito pubblico, disuguaglianze sociali, povertà di infrastrutture, sovrapposizione e conflittualità di poteri, politiche inique e rapaci rivolte alla acquisizione del consenso e solo di rado miranti al bene dei cittadini.
Ma come favorire la creazione di governi stabili?
Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook