Skip to Content

blog post

M5S, LEGA E L’ALIBI DEL VOTO POPOLARE

salviniMA IL POPOLO SOVRANO HA SEMPRE RAGIONE?

L’art.1 della Costituzione sancisce che “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Nella tragicommedia messa in scena da oltre due mesi, con l’incalzante richiamo agli 11 milioni di elettori che hanno votato M5S, a fronte del tripudio di veti conseguenti a tali voti, alla stanchezza di un paese che chiede un governo, a un Presidente della Repubblica che ricorda le prerogative riconosciutegli dalla stessa Costituzione, al grido di dolore di chi sente nelle parole di Mattarella tristi rintocchi di una democrazia agonizzante, è lecito chiedersi se un popolo sovrano ha sempre ragione nel modo con cui esercita tale sovranità. Nella recente Storia d’Italia, vi è un tetro e tragico esempio del come tale sovranità possa essere esercitata in modo da generare involuzioni nefaste e dolorosamente distruttive.

Nel 1924, dopo le inutili elezioni del ’21 che non avevano permesso di individuare né vincitori né vinti, furono tenute nuove elezioni con una nuova legge elettorale: la legge Acerbo. Tale sistema elettorale modificava il sistema proporzionale in vigore, riconoscendo un premio di maggioranza al partito che superato la soglia del 25%, risultasse avere la maggioranza relativa. La formazione politica che raccolse il maggior numero di consensi e che si aggiudicò il premio di maggioranza, fu il Listone nel quale erano confluiti oltre al PNF guidato da Mussolini, esponenti liberali e democratici tra cui Vittorio Emanuele Orlando, Antonio Salandra, Enrico De Nicola. Furono queste le elezioni del 6 aprile 1924, contro cui Giacomo Matteotti, già espulso nel 1922 dal PSI con Filippo Turati, e segretario del nuovo Partito Socialista Unitario da lui fondato, si scagliò con un veemente discorso il 30 maggio, denunciando violenze e brogli, complice involontario il partito comunista.

Renzo De Felice che ha definito “assurda” l’interpretazione di questo discorso. Matteotti non mirava a invalidare il voto, ma a costruire una opposizione più aggressiva nei confronti del fascismo. Una opposizione intransigente che aveva per altro già espresso in una lettera a Turati prima delle elezioni.

Il popolo, nella sua sovranità e nella sua ignoranza, si era dunque espresso a favore del fascismo. Della figura di Mussolini, dei suoi propositi, non sapeva nulla. Era stanco e deluso. Stanco delle sommosse, dei tumulti inconcludenti, delle risse interne al Partito Socialista dalle cui viscere nel 1921 a Livorno era venuto alla luce il Partito Comunista Italiano e che nel ’22 aveva anche espulso Matteotti. Quel popolo di reduci, di operai mandati nella fornace della “inutile strage” della I Guerra Mondiale, attendeva solo il riconoscimento del proprio sacrificio e il ritorno alla situazione economica e sociale, che aveva dominato il periodo prebellico. Ma fu tradito. Non colse il progetto di Mussolini, non ebbe alcun sentore della imminente dittatura, e nella sua sovranità indiscussa si concesse al periodo nefasto del fascismo.

Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

LO SCONSOLATO SERMONE DI DI MAIO

di-maiodi-maioRibadire quanto di immensa ambizione, smoderata vanità, povertà di intelletto, scellerato esibizionismo, si è detto di Di Maio, non ha ormai alcun senso. Quanti lo hanno bocciato alle elezioni politiche, e ne hanno ribadito il declino in Molise e Friuli, hanno ampiamente colto la dimensione della tempestosa tragicommedia che si è abbattuta sull’Italia e che passerà come è passata la sciagurata IdV, passerà come ogni tempesta. Passerà dopo aver creato danni immensi, ma passerà. Ciò che invece è necessario esplorare e capire sono i fondamenti giuridici, la validità nell’ambito delle norme e forme della nostra democrazia rappresentativa, del conclamato “contratto di programma” con cui Di Maio si ostina a invitare forse politiche avverse per dare inizio a quella che con immutato orgoglio chiama Terza Repubblica. Tale contratto di programma, redatto dal comitato scientifico presieduto da Giacinto della Cananea, è costituito dai seguenti 10 punti: 1) Costruire un futuro per i giovani e le famiglie 2) Contrastare la povertà e la disoccupazione; 3) Ridurre gli squilibri territoriali; 4) Sicurezza e giustizia per tutti; 5) Difendere e rafforzare il SSN; 6) Proteggere le imprese, incoraggiare l’innovazione; 7) Per un nuovo rapporto tra cittadini e fisco; 8) Un paese da ricostruire: investire nelle infrastrutture; 9) Proteggere dai rischi, salvaguardare l’ambiente; 10) Per una amministrazione efficiente e trasparente: tagli agli sprechi. Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

Di Maio: il Prometeo incatenato dalle sue contraddizioni

prometeo1Seguire minuto per minuto l’evolversi della crisi politica, serve a chiarire i termini del confronto e a cogliere le stupende metamorfosi di Di Maio, colpito da una perniciosa smania di governo. Una smania così acuta, che governerebbe con chiunque pur senza avere personalità adatte, pur senza un retroterra di movimento e di storia, oltre il VAFFA da cui emerse quale bruco dal suo bozzolo. Di Maio vuole governare a ogni costo e mirando a tale obiettivo dimentica tutti gli insulti riversati sui suoi avversari. Dimentica l’altezzosa arroganza con cui nella campagna elettorale predicava che mai il suo movimento avrebbe accettato intrighi, inciuci, compromessi, scambio di favori e di poltrone, che avrebbero contaminato la incorruttibile purezza del suo movimento. Nessuna coalizione, nessuna alleanza, nessuna convergenza con nessuno, sicuro che la sua sarebbe stata una vittoria certa, netta e indiscussa.

Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

2018 – QUALI LE RAGIONI DELLA SCONFITTA DEL PD?

di-maioLa sconfitta del PD, inoppugnabile e pesante (40.8% alle europee del 2014, 19.0% alle politiche 2018), è diffusamente attribuita a Renzi, ai suoi errori, al suo proporsi come leader, al suo essere Renzi. Renzi ha sbagliato. Renzi ha trasformato il referendum costituzionale in un referendum sulla sua persona. Renzi ha governato senza essere eletto. Sono i rilievi più frequenti. Forse tutto questo è vero. O forse pur essendo tutto vero, non è sufficiente a spiegare come in meno di 4 anni, la sconfitta sia stata così perentoria. Una sconfitta molto più simile al crollo di un muro che non a una caduta di qualche masso. E se di crollo è lecito parlare, allora è lecito affermare che gli errori di Renzi, per quanto gravi, per quanto vistosi, hanno creato delle fessure nel muro, hanno procurato qualche infiltrazione corrosiva, ma non il crollo. Renzi ha rappresentato il momento apicale di un processo di deterioramento del PCI iniziato 30 anni fa a Berlino. E come durante la Rivoluzione Francese Luigi XVI pagò sotto la ghigliottina non i suoi errori, ma tutti gli errori e le deficienze dei monarchi assoluti suoi avi, allo stesso modo Renzi ha pagato per errori suoi ma soprattutto per gli errori di quello che fu il Partito Comunista Italiano.

Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

L’ ONESTA ENCICLICA DELLA NULLITÀ DEL GRILLISMO

LA LETTERA DI DI MAIO A MACRONdi-maio
di-maiodi-maioChe Di Maio scrive a Macron ha l’amaro sapore di una beffa. Chi è Di Maio per scrivere a un Capo di Stato? È il capo di una formazione politica come in Italia ve ne sono a decine. Ma non tutti hanno l’ardente ardore di proporsi come il grillino quale nuova frontiera della Italia che viene e che sarà quella illuminata, equa, superba che fu secoli fa. In una smagliante accozzaglia di errori logici, di grammatica e lontanissimo dallo stile diplomatico imposto dai protocolli, il contenuto della missiva è la più esaltante ed eloquente enciclica sulla onesta nullità del candidato premier.
Scrive Di Maio: Egregio Signor Presidente! il Movimento 5 Stelle avrà modo di raccontarLe e spiegarLe cosa siamo davvero, cosa vogliamo e come vediamo il futuro dell’Europa e dell’Italia nello scenario internazionale. Probabilmente l’opinione che Lei si è venuto via via costruendo nei confronti della prima forza politica italiana è influenzata da una forte propaganda da parte di certo giornalismo e dalle cose che Le riferiscono i politici italiani che provengono dai partiti tradizionali, quegli stessi partiti che sono in crisi di rappresentanza in tutta Europa e che Lei ha sconfitto nettamente alle presidenziali del maggio scorso con una formazione giovanissima En Marche. Insomma se Macron si è fatta l’idea che il M5S è un movimento populista e sovranista è colpa dei cattivissimi giornalisti di regime. Aggiunge il delizioso candidato Il Movimento 5 Stelle è molto giovane, non ha gruppi di potere influenti alle spalle né rendite di posizione da proteggere. Ma solo pochi mesi fa, Grillo commentando la vittoria di Macron sul suo sacro blog, aveva regalato ai lettori questa meravigliosa profezia: L’Europa vedrà un altro governo delle banche“definendo Macron “manichino servente di una moneta impossibile”. Dopo la generosa retromarcia per convincere Macron del suo convinto europeismo, Di Maio affronta, con la prontezza e competenza che gli sono proprie, i temi delle politiche di bilancio. Scrive: Per quel che riguarda le politiche di bilancio, in particolare rispetto ai parametri di Maastricht e ai successivi regolamenti che caratterizzano la governance della moneta unica, il Movimento 5 Stelle ha una visione molto vicina a quella del Suo Paese. Con tale passaggio, la nullità del candidato premier raggiunge vertici mai esplorati. Come fa ad affermare quello che afferma se tutto il programma del M5S sull’Europa è farcito di antieuropeismo? Se Macron spinge per una maggiore integrazione, il M5S promette il referendum per smantellare l’euro, o in alternativa creare una seconda moneta. Eppure continua: Non abbiamo mai stigmatizzato, anzi abbiamo citato come buon esempio il persistente sforamento nel rapporto deficit/Pil che la Francia si è concessa negli anni per dare respiro a politiche di welfare e a investimenti produttivi. Due anni fa presentammo una legge di bilancio alternativa, la #finanziaria buona, che si basava sull’obiettivo di un rapporto tra disavanzo e ricchezza identico a quello francese del tempo. Che significa sforamento in italiano, lo sa Di Maio, in francese chi lo sa sarà sepolto nel Pantheon degli eroi della lingua francese. Sarà eterno anche per l’altra frase in cui si parla di rapporto tra disavanzo e ricchezza. Che cosa è questo rapporto? Se Di Maio pensa al limite del 3% di deficit sul PIL, ha aggiunto un’altra perla alla sua ignoranza. Infatti impegno di Macron è di scendere sotto la soglia del 3% per rispettare il patto di stabilità, dunque esattamente l’opposto di quello del M5S, entusiasta esultante per lo sforamento. Tutto questo basterebbe a catalogare il candidato premier come la forma degenerativa della intelligenza pensante. Ma non sazio di tante idiozie Di Maio aggiunge un’altra perla e afferma: L’Italia detiene almeno la metà del patrimonio culturale e artistico mondiale. Apprezziamo molto i nostri partner d’Oltralpe, popolo altrettanto ricco di tesori preziosi. Dunque se l’Italia detiene la metà del patrimonio artistico e altrettanto i partner francesi, la totalità del patrimonio mondiale è già il 100% in mano a due soli paesi. Ridere di tanta banalità sarebbe facile gioco se a pronunciare bestialità così evidenti in una forma così solenne, non fosse qualcuno che aspira a governare l’Italia non sapendo che i siti italiani inclusi dall’Unesco nel patrimonio mondiale dell’Umanità, sono 53 su circa 1000. Dunque il 5% e non il 50.
Passando a temi di politica industriale condivisibili Di Maio afferma di essere al lavoro per mettere a punto una politica economica e industriale “mission oriented”, mirante a proteggere gli asset, le imprese e le produzioni più importanti d’Italia. Al riguardo va ricordato che quando a luglio il governo italiano risolse la tensione dei cantieri di Saint Nazaire con un accordo ritenuto soddisfacente dalla Stx e Fincantieri, Di Maio sempre sul sacrissimo blog scrisse: bisogna reagire agli schiaffi dei francesi. Non ci restano più guance. Gentiloni, Padoan battete un colpo e fate rispettare il nostro Paese! Oppure fatevi da parte. E ancora a proposito del caso Telecom scriveva: come è possibile che Telecom non sia stata protetta ed eventualmente nazionalizzata? Per obbedire al mercato? La soluzione grillina era Non possiamo rinunciare a tutti gli specialisti del debito, ma a quelli francesi, sì. È sufficiente depennarli dalla lista. A quel punto i francesi potranno scegliere se il gioco vale la candela. Ecco, oggi invece di depennare le banche francesi Di Maio ispirato dalla divina provvidenza, questua un incontro, una indulgenza, sperando forse in un selfie da pubblicare sul sacrario del sacro blog.

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook