Skip to Content

blog post

ORIGINI DEL POPULISMO PENTASTELLATO

IL POPULISMO PENTASTELLATO EFFETTO DELLA MANCATA RIFORMA COSTITUZIONALE

referendumNella grande tempesta che attanaglia il Paese, colpa anche della provata inattitudine del governo dei dioscuri, è lecito chiedersi dove siano finiti quei “puristi” della Costituzione che chiassosamente nel 2016 si opposero alla riforma costituzionale Renzi-Boschi, accusata di “svolta autoritaria”. Oggi quegli esimi puristi, giuristi, uomini dello Stato, sindacati, magistrati, intellettuali, scrittori, attori, registi, tassisti, tacciono senza vergogna di fronte alle minacce di rottamazione del Parlamento, di aggressione al Capo dello Stato gridate con torbido totalitarismo dagli eroici pentastellati. Forse quei puristi percepirono Renzi come un nemico e percepiscono il M5s come amico. Perché una porzione così maggioritaria di intellettuali e non, che ha considerato Renzi un nemico, oggi non avverte la minaccia grillina? Forse perché per la prima volta nella storia della Repubblica, Renzi aveva adottato un approccio nuovo e imprevedibile nel rapporto con le classi dirigenti. Aveva accantonato quello schema consociativo per il quale chi raggiunge le stanze del potere blandisce i poteri esistenti e li associa alla nuova leadership. Con la “rottamazione” l’uomo mise in discussione decenni di abitudini consolidate: non convocò i caminetti, non si piegò alle oligarchie di partito e di palazzo, non si curò dell’opinione degli intellettuali di regime, non si appoggiò al variegato mondo delle corporazioni incastonate negli apparati dello stato e delle grandi organizzazioni consociate, non celebrò i riti conformisti tanto cari alla sinistra tradizionale. Questo modo di procedere fu percepito come atto di lesa maestà, come aggressione. Questa spiegazione forse troppo ‘umana’, rappresenta in verità una molla dei comportamenti, cruciale perché scalfisce il posto che nella comunità ciascuno detiene e al quale non è disposto a rinunciare. Ma c’è una seconda possibile risposta anche più profonda, la quale risiede in ciò che potrebbero definirsi il populismo e la democrazia illiberale delle classi dirigenti italiane. Da Tangentopoli in poi si è infatti affermato uno schema nel rapporto tra politica e classi dirigenti. La politica è diventata sempre più il capro espiatorio di qualsiasi problema nazionale. La magistratura ha vissuto sempre più il proprio ruolo come Grande Inquisizione contro la classe politica corrotta, mentre la grande stampa ha fatto proprio il metodo della lotta contro la casta. I cambi di maggioranza non sono stati vissuti e narrati come normali passaggi in una democrazia dell’alternanza, ma come rovesciamenti epocali nei quali il popolo gustava la rivincita sui politici corrotti. Non può certo negarsi che la politica abbia contribuito a creare questo clima. Ma, di fatto, sul sistema politico-istituzionale è stata costruita una rappresentazione malsana di evidente impronta populista. Il M5s ha rappresentato la freccia all’arco del movimento populista che ne è scaturito diffondendosi e radicandosi ovunque: nel sindacato, nella magistratura, nei media, negli apparati dello Stato. Esso è diventato una sorta di vindice contro i soprusi del potere, interprete di un vento moralista e giustizialista così forte nel quale anche il populismo delle classi dirigenti si è riconosciuto. Il grillismo ha dato l’illusione di un mare tempestoso ma democratico ispirato alla Costituzione aggredita dai presunti soprusi del renzismo. In quel mare sono confluiti anche rivoli delle subculture storiche italiane, comunismo liberismo cattolico inquinati dai loro detriti illiberali e moralisti e il movimento rivoluzionario democratico è apparso incarnare il revanscismo dei puristi della Costituzione, capace di sconfiggere ogni conflitto di interpretazione della stessa. Forse è questo il motivo più profondo che ha portato i puristi della Costituzione alla protesta veemente contro la riforma del Pd e che li porta a tacere oggi. Ma sono purtroppo tali puristi quelli che esprimono una interpretazione ‘sovranista’ della Carta fondamentale. Nella loro idea, la Costituzione è la garante di una democrazia proporzionalistica e consociativa fondata sui partiti e il fondamento di uno Stato omnipervasivo e dirigista titolare di tutti gli strumenti necessari per il perseguimento di obiettivi di uguaglianza socioeconomica. Negli anni però questo modello interpretativo si è rivelato inefficace, perché, da un lato, ha prodotto un sistema politico-istituzionale frammentato e governi deboli, incapaci di governare; dall’altro, la consociazione partitocratica unita alla perversione di uno Stato attore dell’economia hanno provocato l’esplosione della spesa pubblica improduttiva, la moltiplicazione del lavoro pubblico inefficiente, l’alimentazione di rendite di posizione, corporazioni iperprotette e sacche di privilegio. Tutto ciò nel quadro di una sovranità nazionale e statale ideale che nel tempo si è via via ridimensionata grazie alla progressiva importanza assunta sul piano comunitario dalle istituzioni europee. Così il proposito di continuare a mantenere un sistema politico-istituzionale debole e uno statalismo dirigista ma sostanzialmente inefficiente, senza avere più la capacità e le risorse per farlo, ha permesso la costruzione di un colosso d’argilla che sapendo di non poter più promettere posti di lavoro statali promette fasulli redditi di cittadinanza e pensioni. Per essere europeista e liberale contro i sovranisti della Costituzione, l’Italia avrebbe dovuto adeguarsi al resto d’Europa con una riforma costituzionale capace di superare i vecchi vizi, garantendo maggiore rapidità di decisione ed efficacia dei risultati, liberando energie e risorse per superare il fardello di uno Stato burocratico. Hanno prevalso, viceversa, i puristi della conservazione, i puristi della Costituzione, pur restando la gran parte di essi molto meno sensibile alla dimensione europea della sovranità costituzionale. E, insofferente nei confronti dell’obbligo europeo di pareggio di bilancio, non si strappa le vesti nei casi di aumento della spesa e del debito pubblico a danno dei risparmiatori, non esprime una particolare sensibilità verso l’allargamento della sovranità europea, ma esprime l’idea di uno stato nazionale tradizionale che mirando al raggiungimento di risultati ispirati all’egualitarismo tramite gli strumenti della mano pubblica, mostra insofferenza nei confronti dei vincoli europei. Vincoli equivalenti a imperative norme costituzionali. Su questo pericoloso crinale che separa il sovranismo vetero-costituzionale dal liberalismo neo-europeo si giocherà il dibattito italiano in vista delle elezioni europee.

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

La colossale truffa dei dirigenti del M5S membri del Governo

++ Conte, fiducia a progetto e contratto di cambiamento ++Il gruppo dirigente dei Cinquestelle è un concentrato di bugiardi, falsari, ipocriti e disonesti. Nessuna foglia di Fico è così estesa da coprire l’iniqua realtà che a quattro mesi dall’insediamento del governo Conte si staglia con evidenza. Potevan quegli elettori che il 4 marzo hanno votato M5S immaginare gli inganni nascosti dietro l’apparente fragranza delle promesse di onestà-onestà; di ambientalismo no-grandi opere; di fine della tolleranza dell’immigrazione; di trasparenza?

Il capo dei falsari è il novello pontefice Luigi Di Maio. Da ministro e vicepremier ha manipolato con torbida innocenza le carte almeno per due volte: “decreto dignità”, radiosa idea generata dallo squallore della sua intelligenza avrebbe abolito il jobs act, presunta iniqua causa di iniquo precariato. Ma il jobs act resta. Resta peggiorato per le aziende e per quei giovani illusi che già vedevano rinnovato il terzo contratto, del quale invece sono stati scippati in nome della vittoria sulla povertà.

Poi Ilva. Di Maio e il Movimento volevano chiuderla e per farlo avevano ritenuto con insana furbizia il contratto firmato da Calenda come irregolare. Purtroppo, per il gran cerimoniere, l’Avvocatura dello Stato lo ha platealmente sconfessato, senza però poter evitare che costui si pavoneggiasse per aver firmato lo stesso patto in precedenza contestato.

V’è poi un altro ministro che ha tradito il suo Movimento. Ed è Barbara Lezzi, l’inutile ministro per il Sud, che adesso dà via libera al Tap. Ha spiegato che il blocco “avrebbe avuto un costo troppo alto per il Paese”. Brava, bravissima. Non aveva potuto pensarci prima, perchè per lei il calcolo costi/benefici era ed è una cima troppo innevata da raggiungere. Pietà per i miseri e diseredati impone di ignorare il ministro Giulia Grillo, quella dell’ ”obbligo flessibile” per i vaccini, e l’inetto Toninelli, la più eloquente e sadica testimonianza del tradimento non solo del M5S ma della intelligenza. E Bonafede? Pareva animato dal sacro fuoco del fare ed è risultato la più alta esaltazione del nulla, monumento di inettitudine e di caparbia ingerenza nei lavori del CSM.

Qualche analfabeta a 5 stelle evoca con orgoglio la famosa “pace fiscale”, ossia quel mal perverso condono, quell’immorale, diseducativo, obbrobrioso “salvare” chi ha evaso a cospetto di chi pagato, giustificando l’editto con la maestosa e solenne falsità di voler venire incontro a chi pur volendo non poteva pagare! E allora l’amara domanda: Dove son state trafugate l’onestà, la giustizia, la trasparenza?

Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

ESSERE DI FRONTE ALLA TRAGEDIA DEGLI EMIGRANTI

 

migranti-2Vorrei tentare una lettura non polemica né politica e nemmeno storica della vicenda degli emigranti che divide gli italiani e inquina potentemente l’azione di altri governi interessati. Forse riusciremmo a superare il carico di odio in tema di politica delle navi ferme in mare aperto, e porti e frontiere chiusi, se riuscissimo a vedere quegli eventi con gli occhi della tragedia, nel senso di lamentazioni funeree sul destino di genti senza colpa né difese. Si è, infatti, di fronte a una tragedia che valica le volontà umane, le usa, le conduce a comportamenti dimentichi di ogni aspetto che possa dirsi umano. Una tragedia che non travolge solo i protagonisti ma investe i popoli, perché è la causa scatenante di una lotta fratricida, di vicini contro vicini, di amici di ieri che si scoprono oggi delatori, nemici mortali. Eppure, da bambini si viveva da fratelli, si giocava assieme. Spegniamo il sonoro delle passioni e delle ragioni, cerchiamo di scorgere nel silenzio quel cambio di scena che è la nascita della tragedia su ignare teste di uomini, donne e bimbi, che indossano salvagenti, si imbarcano su scialuppe e vanno incontro alla sorte o alla morte. Quando si sarà in grado di tradurre questa tragedia in un rito d’espiazione, si sarà forse vicini alla catarsi.

Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

M5S, LEGA E L’ALIBI DEL VOTO POPOLARE

salviniMA IL POPOLO SOVRANO HA SEMPRE RAGIONE?

L’art.1 della Costituzione sancisce che “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Nella tragicommedia messa in scena da oltre due mesi, con l’incalzante richiamo agli 11 milioni di elettori che hanno votato M5S, a fronte del tripudio di veti conseguenti a tali voti, alla stanchezza di un paese che chiede un governo, a un Presidente della Repubblica che ricorda le prerogative riconosciutegli dalla stessa Costituzione, al grido di dolore di chi sente nelle parole di Mattarella tristi rintocchi di una democrazia agonizzante, è lecito chiedersi se un popolo sovrano ha sempre ragione nel modo con cui esercita tale sua sovranità. Nella recente Storia d’Italia, vi è un tetro e tragico esempio del come la sovranità del Popolo possa essere esercitata in modo da generare involuzioni nefaste e dolorosamente distruttive.

Nel 1924, dopo le inutili elezioni del ’21 che non avevano permesso di individuare né vincitori né vinti, furono tenute nuove elezioni con una nuova legge elettorale: la legge Acerbo. Legge che modificava il sistema proporzionale in vigore, riconoscendo un premio di maggioranza al partito che risultasse avere la maggioranza relativa oltre la soglia del 25%. La formazione politica che si aggiudicò il premio di maggioranza, fu il Listone nel quale erano confluiti oltre al PNF guidato da Mussolini, esponenti liberali e democratici tra cui Orlando Salandra, De Nicola. Furono queste le elezioni dell’aprile 1924, contro cui Giacomo Matteotti, petulante militante socialista, già espulso nel 1922 dal PSI con Filippo Turati, e segretario del nuovo Partito Socialista Unitario da lui fondato, si scagliò con un veemente discorso il 30 maggio, denunciando violenze e brogli, complice involontario il partito comunista.

Renzo De Felice che ha definito “assurda” l’interpretazione di questo discorso. Matteotti non mirava a invalidare il voto, ma a costruire una opposizione più aggressiva nei confronti del fascismo. Una opposizione intransigente che aveva per altro già espresso in una lettera a Turati prima delle elezioni.

Il popolo, nella sua sovranità e nella sua ignoranza, si era dunque espresso a favore del fascismo. Di Mussolini, dei suoi propositi, ignorava tutto. Era stanco e deluso. Stanco delle sommosse, dei tumulti inconcludenti, delle risse interne al Partito Socialista dalle cui viscere nel 1921 a Livorno era venuto alla luce il Partito Comunista Italiano e che nel ’22 aveva anche espulso Matteotti. Quel popolo di reduci, di operai mandati nella fornace della “inutile strage” della I Guerra Mondiale, attendeva solo il riconoscimento del proprio sacrificio e il ritorno alla situazione economica e sociale, che aveva dominato il periodo prebellico. Ma fu tradito. Non colse il progetto di Mussolini, non ebbe alcun sentore della imminente dittatura, e nella sua sovranità indiscussa si gettò nelle braccia nefaste del fascismo.

Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
blog post

LO SCONSOLATO SERMONE DI DI MAIO

di-maiodi-maioRibadire quanto di immensa ambizione, smoderata vanità, povertà di intelletto, scellerato esibizionismo, si è detto di Di Maio, non ha ormai alcun senso. Quanti lo hanno bocciato alle elezioni politiche, e ne hanno ribadito il declino in Molise e Friuli, hanno ampiamente colto la dimensione della tempestosa tragicommedia che si è abbattuta sull’Italia e che passerà come è passata la sciagurata IdV, passerà come ogni tempesta. Passerà dopo aver creato danni immensi, ma passerà. Ciò che invece è necessario esplorare e capire sono i fondamenti giuridici, la validità nell’ambito delle norme e forme della nostra democrazia rappresentativa, del conclamato “contratto di programma” con cui Di Maio si ostina a invitare forse politiche avverse per dare inizio a quella che con immutato orgoglio chiama Terza Repubblica. Tale contratto di programma, redatto dal comitato scientifico presieduto da Giacinto della Cananea, è costituito dai seguenti 10 punti: 1) Costruire un futuro per i giovani e le famiglie 2) Contrastare la povertà e la disoccupazione; 3) Ridurre gli squilibri territoriali; 4) Sicurezza e giustizia per tutti; 5) Difendere e rafforzare il SSN; 6) Proteggere le imprese, incoraggiare l’innovazione; 7) Per un nuovo rapporto tra cittadini e fisco; 8) Un paese da ricostruire: investire nelle infrastrutture; 9) Proteggere dai rischi, salvaguardare l’ambiente; 10) Per una amministrazione efficiente e trasparente: tagli agli sprechi. Continua a leggere.. »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook