chiesa russaParlare della chiesa ortodossa sotto il regime comunista è come parlare di una attraversata nel deserto durata 70 anni. Una attraversata ricca di eventi che prende avvio dai tentativi di scismi pilotati dal regime, dalle persecuzioni del primo periodo alle persecuzioni dell’epoca staliniana (1929-1939), alla ricostituzione della chiesa voluta da Stalin nel 1943, e dopo Stalin ancora in apparenza l’inspiegabile gelo sotto Kruscev. Una attraversata caratterizzata da ricatti e controlli continui della chiesa da parte della polizia, di quella ufficiale e di quella segreta, con lo strascico dei sospetti per la fedeltà di preti, metropoliti e patriarchi. Infine, la resurrezione e la lunga fila di martiri e santi canonizzati dal Sinodo ortodosso, che continuerà a lungo i suoi lavori.

Per paradosso nel pieno della Rivoluzione d’ottobre la chiesa ottenne ciò che Pietro il Grande le aveva negato due secoli prima, quando aveva abolito il patriarcato e lo aveva sostituito con un collegio per gli Affari spirituali. Il Concilio dell’Ortodossia, del 1917, proseguito mentre era in pieno svolgimento la rivoluzione bolscevica, elesse come Patriarca l’Arcivescovo Thicon, che si intronizzò solennemente nella cattedrale della Dormizione del Cremlino. Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook