I Capuleti e i Montecchi  – “Eccomi in lieta vesta…”

L’amore giovanile, irrazionale ma nobilmente eroico e appassionato

capuleti

capuleti

La romanza è la romanza di esordio di Giulietta, la quale compiange la sua sorte, piange e invoca Romeo, che crede lontano, avendo appreso la decisione paterna di essere destinata quale sposa a Tebaldo, un ignoto cavaliere di lei innamorato. Un impossibile legame pensato quale suggello di pace tra la sua famiglia Capuleti e la famiglia rivale Montecchi capeggiata da Romeo. Una rivalità scaturita dall’accusa che a uccidere in battaglia il fratello di Giulietta sia stato Romeo. Un torbido intreccio di odi, di vendette, di lutti ignorati, di amori barattati, di inganni perenni. In tale mondo a lei totalmente estraneo, Giulietta si descrive quale vittima adorna in lieta vesta. IVANNA SPERANZA esprime con stupende parabole vocali tutto il suo disprezzo per l’altare, per le fedi nuziali, fonte di aborriti riti fatali.

Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook