m5sC’è in Italia una opposizione che si fa chiamare M5S. Ma a che serve? A prorogare per sempre l’infanzia dell’opposizione? Ad accompagnare lo sparpagliato ondeggiare dei movimenti di protesta? A consegnare la politica a una concezione faziosa della legalità, brandita come bastone per delegittimare gli avversari, nemici assoluti?
La misura di un movimento politico credibile che si propone come guida nuova e ispirata di un grande paese, dovrebbe essere il realismo della proposta in totale autonomia. Inseguire slogan grotteschi, guerriglie verbali cariche di violenza e spazzatura, fare di ogni piazza un querulo salottino televisivo e di ogni salottino televisivo una piazza querulamente litigiosa, sono cose altamente incomprensibili per una organizzazione ramificata, responsabile e rappresentativa, presente nelle istituzioni, la quale aspira a costruire e garantire una alternativa credibile di governo.

Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook