Skip to Content

tag

Tag Archives: Rigoletto

post

ETTORE BASTIANINI – RIGOLETTO

L’IRRESISTIBILE URAGANO DISTRUTTIVO DEL DESTINO

Rigoletto “Cortiginai vil razza dannata…”

rigoletoSe il Rigoletto è quella fiumana di melodie, se ormai senza obiettori il protagonista è considerato il principe incontrastato del canto per baritono, la sua grandezza umana e paradigmatica, l’inesorabile predestinazione che si abbatte sulla sua figura fisica e sulla sua complessa psicologia raggiungono i vertici di una verità sacrale, nella stupefacente interpretazione di Ettore Bastianini. Purtroppo le riflessioni che seguono sono il parto non di una visione dal vivo dell’opera, ma dell’ascolto meditato e silenzioso della registrazione dell’Opera nel 1960 con Renata Scotto e Alfredo Kraus e la direzione di Gavazzeni. Una edizione discografica ricca di raffinatezze stilistiche grazie soprattutto a Lui, e densa di spunti che agevolano la comprensione della evoluzione della capacità di Verdi nel saper espugnare la spiritualità dei personaggi, conferendo loro una universalità ormai indiscussa.

Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
post

Rigoletto frantumato – Luci e ombre di un Rigoletto frantumato

E’ amaro constatare che per portare la lirica in TV, si debba ricorrere a espedienti così impudichi e di fatto respingenti. Quella intuizione che portò a trasmettere la Tosca nei luoghi e nei tempi in cui i fatti ebbero luogo, non aveva senso nella Traviata e ancor minor senso poteva averne nel Rigoletto. Provate a immaginare un genitore cui viene rapita la figlia sotto i suoi occhi bendati, il quale va a riposare e il giorno dopo comincia a cercarla. Provate a immaginare che dopo aver scoperto chi l’ha sedotta e giurando vendetta, va alla ricerca dell’uomo di spada che potrebbe vendicarlo solo dopo aver tranquillamente cenato e forse riposato. Tale frantumazione ha qualcosa di sacrilego, come sacrilego fu il folle gesto di chi colpì con un martello la Pietà di Michelangelo, frantumandone il volto.

Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook