Skip to Content

tag

Tag Archives: Stati Uniti

post

La crisi del ’29

il'29Il crollo della borsa di Wall Street e la crisi che ne seguì, indicano il periodo più nefasto della storia economica del ‘900 in tempo di pace. Un periodo durante il quale su scala mondiale tutte le attività economiche si ridussero drasticamente in modo rapido, radicale e pervasivo. Produzione, occupazione, redditi, salari, consumi, investimenti, risparmi, tutto fu violentemente travolto in un crollo che non aveva precedenti. La violenza e la rapidità del quale furono tali che nessun analista fu capace di prevederle e adottare contromisure adatte a contrastare il crollo o a limitarne i danni. Seppure si conoscessero i fattori del processo economico che avevano generato le crisi precedenti, quella iniziata nel ’29 si manifestò in modo così improvviso e così scarsa di segnali premonitori, che qualunque analisi sarebbe stata inidonea a prevenirla. Basti pensare che ancora alla fine dell’estate di quell’anno la borsa di New York attraversava una fase di grande euforia per la massa di ordini di acquisto. Ma giovedì 24 ottobre inaspettatamente essa crollò: milioni di azioni vennero vendute a prezzi nettamente inferiori a quelli di acquisto, in un crescendo di vendite sottocosto che nonostante gli interventi massivi posti tempestivamente in essere dai governi e dai gruppi bancari e finanziari, non incontrò argini fino al martedì 29 ottobre.

Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook
post

Club Bilderberg

IL GRUGNITO DI BILDERGERG E LE CARCASSE DELLE POLITICHE NAZIONALI

clubPer tentare una qualche esplorazione delle fonti da cui taluni poteri forti traggono la loro forza, è necessario dare profondità di campo all’analisi degli ultimi eventi in Italia e in Europa.

Italia ed Europa

Occorre allo scopo considerare il nesso di tali eventi con la storia internazionale: per l’Italia trattasi delle relazioni con i fattori esterni (stati, istituzioni, centri economici) che descrivono il contesto strategico e danno tangibile riconoscimento alla levatura dei leader interni. Per l’Europa trattasi del modo di pensare i processi di integrazione, il quale ormai diverge massicciamente dall’impostazione data da Mitterrand e Kohl dopo la caduta del Muro di Berlino. Così si deduce infatti dalla lunga fase di disallineamento rispetto alle politiche delle grandi potenze alleate. I due cicli storici – dell’Italia e dell’Europa – che partono in parallelo all’inizio degli anni ’90, vedono disfarsi il proprio assetto nell’estate 2011, quando la crisi dei debiti sovrani sconvolge in molti dei paesi europei le politiche di bilancio e i patti sociali che le sorreggevano.

Il ciclo italiano ha inizio con la sciagurata saga di Mani pulite, ma il motore che lo spinge è soprattutto la turbolenza del rapporto con il mondo esterno europeo ed extraeuropeo.

Read more »

Condividi con...Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook